Litorale Romano Online

Saturday
Oct 20th
  • Registrati
    *
    *
    *
    *
    *
    Fields marked with an asterisk (*) are required.
  • Cerca


Dimagrire e non per bellezza

Dimagrire e non per bellezza

Nonostante la continua informazione sul mangiare sano e sul benessere gli italiani proprio non ce la fanno a mangiare poco e non bere. Questo è quello che risulta dalle ultime ricerche, noi italiani mangiamo e beviamo troppo e male. A peggiorare questo quadretto la sedentarietà, e il risultato è un aumento dei “malati”. Gli esperti lo chiamano il triangolo delle cattive abitudini e l’Organizzazione Mondiale della Sanità ne parla come di un’epidemia.

L’estate dovrebbe riportare tutti sulla retta via con tre semplici accorgimenti: cibi più salutari, moderazione nel bere e mezz’ora di attività fisica al giorno, ma non sempre è così. È chiaro, da quello che emerge dalle indagini, che gli italiani non conoscono affatto la dieta mediterranea che è diventata una celebre sconosciuta.

Dieta mediterranea e gli italiani

Tutti pensano di sapere di cosa si tratti ma solo pochi ne conoscono i principi fondamentali.
Gli italiani non la conoscono eppure è riconosciuta a livello mondiale come la migliore per il benessere e la salute, prevenzione contro le malattie cardiovascolari, diabete, tumori, etc. Nel 2010 è stata anche proclamata patrimonio dell’umanità. Ma l’Italia è controcorrente. Aumentano i morti per malattie legate all’obesità e al consumo di alcol. “In Italia, il 10 per cento della popolazione adulta è obesa, vale a dire circa 5 milioni di persone in tutto e lo è anche il 12 per cento dei bambini fino a 9 anni. E le stime per i prossimi anni non fanno ben pensare: entro il 2020 la percentuale di adulti obesi salirà al 13 o 14 per cento” queste le parole di Lorenzo Donini del Dipartimento di Medicina Sperimentale del Policlinico Umberto I di Roma. Fino a qualche anno fa l’allarme riguardava soltanto gli adulti ma ultimamente anche i bambini ne sono interessati. Secondo le stime un bambino su tre è obeso.

L’Italia si allontana sempre di più dalla tradizione alimentare, aumenta il consumo di alcol e cala l’attività fisica. Anche l’abuso di alcol rappresenta un grave problema: quattro decessi su cento sono legati all’alcol: tumori, malattie cardiovascolari, cirrosi epatica ed incidenti. A subire maggiormente questo problema sono i più giovani tra i 15 e i 29 anni per i quali la statistica sale a 9 su 100. Non serve elencare tutte le malattie a cui si va in contro, che sono davvero tante, ma bisogna ritrovare quella coscienza verso la moderazione. Alcol, fumo, sovrappeso e inattività sembrano essere diventati i mali del secolo e l’Organizzazione Mondiale della Sanità dice a riguardo: “malattie epidemiche non trasmissibili, che rappresentano una minaccia più grave di infezioni come malaria, Hiv e tubercolosi”.

La situazione può ancora essere arginata ma “il triangolo delle cattive abitudini” va evitato. Mangiare bene è diventato il miglior modo di prevenire tantissime malattie che colpiscono sempre più persone in tutto il mondo. Un piccolo sforzo per garantirsi un’esistenza serena. Non è più solo una questione di linea, fascino e bellezza ma è la nostra salute che può essere compromessa.

Se vuoi leggere approfondimenti sulla dieta mediterranea e sui principi nutritivi consulta il nostro blog nella sezione “mangiare sano” troverai tanti approfondimenti che potranno aiutarti nella tua alimentazione e tanti piccoli segreti per restare in forma.

Articoli correlati (da tag)

Altro in questa categoria: « Frutta e verdura contro i tumori

Advertising

Ultimi articoli

Seguici su Facebook

Advertising

Video del Mese

Tony Hawk and Friends European Tour - Roma

Guarda l'articolo, clicca qui

Ultimi articoli

Articoli più letti

Newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter, per ricevere mensilmente news ed informazioni sul litorale romano.

Seguici su Google+

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza. Leggi la privacy per maggiori informazioni. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information